0.jpg1.jpg2.jpg3.jpg4.jpg

Articoli

Te ne sei accorto o no?

Prot 009 /18

 

 

 

Te ne sei accorto o no?

 

Potremmo usare l’aggettivo “sorprendente” rispetto a quanto recita il Piano Industriale 2018-2022 approvato in  Enav il 12 Marzo scorso ma per questa organizzazione non c’è nulla di inatteso o sbalorditivo se consideriamo le politiche adottate in questi ultimi anni che di fatto hanno spinto l’Assistenza al Volo italiana al collocamento in Borsa per il 49% sotto l’accellerazione del Governo Renzi e tanto meno se consideriamo i dubbi da noi sempre posti in evidenza, soprattutto  riguardo alle profonde modificazioni strutturali e tecnologiche.

Se è vero che da un lato incalza la quarta rivoluzione industriale è altrettanto vero, come la storia economica insegna, che la possibilità di un risultato positivo per progresso tecnologico, investimenti in nuove competenze ed occupazione scongiura il pericolo di una disoccupazione tecnologica di massa.

D'altronde, si palesa oggi più che mai ahimè, la sospensione di tutte le sperimentazioni tecnologiche per guida autonoma che di fatto dimostrano l’inefficacia dell’intelligenza artificiale ed i suoi limiti, dopo un altro incidente mortale.

 

E’ sconvolgente invece leggere, sempre all’interno del Piano Industriale approvato dal CDA di Enav, un susseguirsi di terminologia sempre più rispondente al marketing spinto  per un’Azienda che nulla ha da temere in quanto a competitività, essendo in regime di monopolio.

 

Ci siamo soffermati in particolare su questa frase : << Per quanto rigurda le risorse umane ci sarà una progressiva ottimizzazione del dimensionamento degli organici, in linea con le best practice internazionali ed una più equilibrata distribuzione dei carichi di lavoro su tutte le strutture operative …>>.

In linea con le best practice in italiano sta a significare per buona prassi o buona pratica; in sostanza indicano le migliori prassi raccolte come esperienze passate che possono essere formalizzate e pertanto seguite o ripetute e nel nostro contesto, quello dell’Assistenza al Volo, sembra infatti che la struttura da sempre adottata da Enav sia  stata vincente con i suoi Centri di Controllo ubicati nei quattro punti nevralgici e le relative Torri di Controllo dislocate sul territorio hanno dimostrato che in questo ambito la “ridondanza” di risorse umane e tecnologia ha prodotto un risultato inequivocabile : ha prodotto sicurezza, l’unico reale interesse al quale deve tendere la nostra Azienda, l’unico vero profitto.

Altra curiosità è il Disclaimer a fine documento, ovvero una dichiarazione di esclusione di responsabilità solitamente applicato in tutti quei casi che implicano un certo livello di rischio o di incertezza, così come viene chiaramente scritto : << Il presente documento contiene alcuni dati previsionali che riflettono le opinioni attuali del management della Società in merito ad eventi futuri e alle performance finanziarie e operative del gruppo Enav. Tali previsioni si basano sulle attese e sulle proiezioni che Enav ha in questo momento a proposito di eventi futuri.In considerazione del fatto che tali dati previsionali sono soggetti a rischi ed incertezze, i risultati e le performance future effettivamente conseguiti potrebbero differire significativamente da quelli contenuti nel presente documento … >> .

 

In stile Ponzio Pilato

 Tutto ciò a seguito di una dichiarazione di poco più di un anno fa da parte di ENAV rispetto all’argomento torri remorte che escludeva progetti di implementazione : << L’esperienza di Enav nelle simulazioni RACOON, in cui si sono “remotizzati” i serviti ATS delle torri di Milano Linate e Milano Malpensa, è servita esclusivamente per acquisire know-how. Il provider non ha in effetti nessun progetto di implementazione di torri remote in Italia, né alcun piano industriale che ne preveda lo sviluppo.

E’ opinione di DSNA che per ora solo la tecnologia utilizzata nelle torri remote possa essere utilizzata nelle torri standard per migliorare la qualità dei servizi … Enav ha risposto che potrebbe essere plausibile avere torri remote con la sola funzione di back – up o disaster recovery delle torri principali negli aeroporti maggiori. >>.

 

A voi ogni altra considerazione …

 

Te ne sei accorto o no che la verità ti fa paura e non vuoi cambiare per non rinunciare a quelle cose nelle quali non credi neanche più?

Te ne sei accorto che fino ad oggi ti hanno raccontato soltanto favole?

Te ne sei accorto che il 12 marzo 2018 viene dopo che il popolo italiano ha sfiduciato in data 4 Marzo 2018 l’attuale Governo?

Te ne sei accorto che questo Governo uscente non poteva prendere una decisione di tale portata, non fosse altro per il rispetto del giudizio degli italiani?

Te ne sei accorto o no che è giunta l’ora di cambiare passo, che i buoni esempi rimangono e la consapevolezza che il sacrificio di prendere una nuova strada e seguirla, seppur contraria a quanto oggi ti sembra più facile e comodo, forse è l’unica via di uscita?

Non scendere a compromessi, neanche con te stesso; sii determinato e scegli di cambiare passo per te stesso, per il tuo futuro,  per la tua famiglia e per quello che oggi possiedi e non sottometterti mai a “forze superiori” e come recita una canzone :  << Te ne sei accorto, si che parti per scalare le montagne e poi ti fermi al primo ristorante e non ci pensi più … >>

 

Ad maiora!

 

 

 

Roma, 21 Marzo 2018

 

 

La Segreteria Nazionale Federale

F.A.T.A. CISAL

 

Il Segretario Generale

F.A.T.A. CISAL

Corinna Daddio